Un progetto di valorizzazione nutrizionale dei prodotti tradizionali europei

Cosa sappiamo dei prodotti enogastronomici e delle ricette definiti come tradizionali? Ne conosciamo aspetti storici e culturali, il legame con il territorio, gli ingredienti spesso locali e i processi produttivi. Sappiamo che la conoscenza di questi alimenti e la loro preparazione è stata spesso tramandata per via orale di generazione in generazione. Siamo anche consapevoli che con il modificarsi degli stili di vita e delle abitudini alimentari, in tutti i paesi europei alcuni di questi prodotti rischiano di scomparire.

Sebbene il termine tradizionale sia ampiamente usato, non c’è una unica definizione disponibile. In Italia con il termine “prodotti tradizionali” ( decreto del 18 luglio 2000) s’intendono quei prodotti agroalimentari le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultino consolidate nel tempo, omogenee per tutto il territorio interessato, secondo regole tradizionali, per un periodo non inferiore ai venticinque anni.

Per contribuire a una maggiore conoscenza dei cibi tradizionali e preservare il loro valore nella cultura di ogni paese, è importante avere anche informazioni nutrizionali e documentare i metodi di preparazione. Grazie al progetto Eurofir nato alcuni anni fa, ora conosciamo la composizione nutrizionale di numerosi piatti della tradizione. Per Eurofir è un prodotto tradizionale quello che: si contraddistingue da prodotti simili della stessa categoria commerciale per l’uso di ingredienti tradizionali o una composizione tradizionale o un metodo di produzione tradizionale. Hanno partecipato alla ricerca 13 stati : Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Polonia, Portogallo, Spagna e Turchia. Per ogni paese, sono stati quindi scelti cinque piatti che sono stati preparati con ingredienti e metodi di preparazione tradizionali. Oltre a documentare la preparazione, i campioni di alimenti sono stati raccolti e i nutrienti principlia (carboidrati, lipidi, proteine, sali minerali e fitonutrienti) analizzati utilizzando comuni procedure standardizzate. Siete curiosi di conoscere le calorie e principali nutrienti di una porzione della zuppa austriaca Gemüsesuppe? della ricetta belga Flemish stew (Vlaamse stoofkarbonaden)? Della salsa Bulgara Pepper relish (Лютеница)? O dei salsicciotti tedeschi Thüringer Rostbratwurst? Sono solo alcuni esempi delle ricette di cui troverete informazioni nutrizionali nelle pubblicazioni prodotto dal gruppo di lavoro.

Per l’Italia i prodotti scelti a rappresentare la gastronomia italiana sono il Brasato al Barolo, la pizza napoletana Margherita, il Bacala’ alla Vicentina, il Castagnaccio toscano e i cannoli siciliani.

Ecco la Traditional foods recipe cardsRecipe Cards – complete set, vi attendono una breve storia culinaria di ogni alimento o piatto scelto, i particolari dei suoi ingredienti, i metodi di preparazione, la composizione nutrizionale e ovviamente le immagini ovviamente dei piatti. Un bel viaggio enogastronomico tra alcuni simboli dell’enogastraonomia. Vi ho fatto venire fame?

Obiettivi del progetto Eurofir e risultati sono fruibili anche in una pubblicazione apparsa nel 2010 sulla rivista European Journal of Clinical Nutrizion.

Fonti:

Eurofir

New nutritional data on traditional foods for European food composition databases European Journal of Clinical Nutrition (2010) 64, S73–S81; doi:10.1038/ejcn.2010.215

Traditional foods recipe cardsRecipe Cards – complete set

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...