La vanillina: how to kill the bean

vaniglia

Bella vero la pianta della Vanilla planifolia?

La notizia del blocco di un lotto di vanillina prodotta in Norvegia mi ha stimolato a capirne di piu’ su come viene prodotta e sul processo di estrazione dalla pianta.

La vanillina nelle piante della Vanilla planifolia viene sintetizzata a partire dall’aminoacido fenilalanina e si trova sotto forma di un coniugato: la glucovanillina (vanillin glucoside)

vanillin glucoside

Qui trovate diverse strutture di molecole precursori o derivati della vanillina tra cui l’acido vanillico.

La vanillina viene ottenuta per azione dell’enzima endogeno beta-glucosidasi che idrolizza il legame tra il monosaccaride e la vanillina. Tuttavia la resa è piuttosto bassa. Per cui si è deciso di fare uso di enzimi aggiunti appositamente come la pectinasi e la beta – glucosidasi.
Se invece preferite usare i baccelli della vaniglia, ho trovato un sito interessante che mostra i vari trattamenti prima di arrivare al prodotto messo in vendita. Come si arriva i baccelli di colore marrone?

Uno dei primi processi viene definito “Killing”, ed ha lo scopo di bloccare lo stato vegetativo dei baccelli raccolti. I processi si differenziano da paese a paese. Denominatori comuni sono sole e tempo per trasformare i baccelli nel colore scuro che ci è familiare. Trovate informazioni qui.

Fonti:

Determination of Glucovanillin and Vanillin in Cured Vanilla Podsvanillin J. Agric. Food Chem. 1995, 43, 2658-2661

Dalla lignina alla vanillina

Vanillin

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...